Ethiopian FESTE

 


Etiopia ha numerose feste da festeggiare ,tra i quali molti sono unici. Timket (la Festa di Epifania), festeggiata il 19 Gennaio, e la piu grande festa dell'anno, seguita con importanza da Meskel(Trovata della Vera Croce) del 27 settembre. Pasqua e la festa piu solenne ma Enkutatash(Capodanno Etiopico) celebrato l’ 11 Settembre nel calendario gregoriano.

Natale e celebrato il 7 Gennaio. Fra le feste diciamo piu insolite del paese possimo citare Kulubi Gabriel, Sceicco Hussein, Gishen Mariam e Sof Omar. Fedeli pregano per la salute, per un bambino nuovo, per un favore speciale o un buon raccolto o dare grazie per auguri gia accordati.

11 Settembre del calendario gregoriano e il Capodanno Etiopico nonche Festa di San Giovanni il Battista . Il giorno e stato chiamato Enkutatash che vuole dire il regalo di gioielli, il fatto risale a quando la famosa Regina di Sheba ritorno dalla sua gita costosa a visitare il Re Solomon a Gerusalemme, i comandanti sotto di lei la accolsero cordialmente al suo ritorno riempendo la sua tesoreria con fuku o gioielli.

 



Enkutatash/ Capodanno
Enkutatash

Questa festa nella stagione di primavera e celebrata a partire dagli anni piu verso la fine della stagione delle piogge , ballo e canto puo essere sentito ad ogni villaggio nella campagna tutta coperta di coplore verde.

La sera prima del Caposanno la gente accedera fuochi nelle loro abitazioni e gira attorno al fuoco con torci fiammeggianti, celebrando il pas deto vecchio anno e l'arrivo del Nuovo anno. Ragazze giovani tradizionalmente pungeranno una speciale di erba , chiamato engicha o Enqwutatash in onore dell'evento, ea andranno attorno cantando canzoni che comunicazno l’arrivo del nuovo-anno e della buon volonta presentando l'erba a chiunque loro incontrarono e saranno rimbora deti da un regalo modesto. Il capodanno in Etiopia come in molti altri paesi e cosi un tempo di tradizione.

 

Meskel / Ritrovo della Vera Croce
Meskel

Meskel, secondo come importanza dopo il Timket, e stato celebrato nel paese per piu di 1,600 anni. La festa commemorizza la scoperta della Croce sulla quale Gesu fu crucifisso, dall' Imperatrice Helena, la madre di Costantino il Grande. La festa e celebrata 27 settembre.

Nella vigilia di Meskel rami alti sono allacciati insieme , mentre le margheritine gialle, generalmente chiamate fiori di Meskel , saranno messe in cima ai rami allacciati a forma di croce . Durante la notte questi rami sono raggruppati insieme di fronte al recinto di ogni fedele e accese. Questo simboleggia le azioni di Imperatrice Helena che, quando nessuno la mostrava il Sepolcro Santo, aveva incensiato e pregato per aiuto. Dove poi il fumo ando alla deriva fove lei scavo e trovo tre croci. Tra uno di queste Croci molti miracoli sono attribuiti finora alla Vera Croce.

Ghenna / Natale
Genna

 

Il Natale etiopico, anche chiamato Li det non e la festa religiosa primaria e secolare che e divenuto in paesi Occidentali. Celebrata il 7 Gennaio, e celebrata seriamente da un servizio religioso della chiesa che dura tutta la nottata, con persone che si muovono da una chiesa aall’ altra. Tradizionalmente, i giovani uomini giocarono un gioco simile a hockey, chiamato Ghnna in questi giorni ed ora Natale e venuto anche ad essere conosciuto da quel nome.

Temket/ Epifania
Temket

Timket, Festa dell’ Epifania e la festa piu grande dell'anno, celebrata il 19 Gennaio, piu o meno due settimane dopo il Natale Etiopico. E un affare di tre giorni, comincia nella vigilia di Timket con cortei drammatici e coloriti. La mattina seguente, il grande giorno stesso il battesimo di Cristo nel Fiume di Giordania da Giovanni il Battista e commemorato. Il terzo giorno e dedicato alla Festa di San Michael, l'arcangelo, uno dei santi piu popolari di Etiopia.
Uno Sforzo enorme e messo nell'occasione. Tej e tella (Vino di miele e Birra etiopica) saranno preparate, pane speciale sara cotto al forno e pecore saranno ingras dete per macellazione. Regali sono preparati per i bambini e vestiti nuovi acquistati o i vecchi vestiti saranno lavati e prepararti bene. Ognuno - uomini, donne e bambini - appaio splendenti per la celebrazione dei tre giorni .


Nella vigilia del 18 gennaio, Ketera, i preti rimuovono i Tabots da ogni Chiesa e benedicono l'acqua della piscina o fiume dove la celebrazione del prossimo giorno avra luogo. E il tabot (simboleggiando l'Arca dell'Alleanza che contiene i Dieci Comandamenti) piuttosto che la chiesa che costruisce il consacrato e concesso della festa di onore .La festa e celebrata in tutto il paese ed i migliori luoghi per osservare questa occasione e Addis Ababa, Sceicco Hussein e Gondar.

L'Arca dell’ Alleanza
The Ark of Covenant

Si dice che l' originale Arca dell'Alleanza sia albergata in una cappella al massimo circospettata nella Chiesa di Santa maria di Zion, in Axum. Una replica o simbolo dell'Arca dell'Alleanza, noto come Tabot occupa orgoglio di luogo dei santi di ogni Chiesa Ortodossa Etiopica. Queste repliche - quali ancora deducono la loro santita dalla loro relazione al vero ed Arca originale e ancora creduto dagli Etiopi di essere tenuto ad Axum e cosi importante che nessuna chiesa e considerata consacrato senza uno di questi Tabot.

L'Arca prima fu tenuta in una Chiesa all'ordine del giorno su un'isola in Lago Tana dove rimase per 800 anni prima di essere trasferita alla capella originale di Axum Santa maria di Zion.

Sceicco Hussein
sheik Hussein

 

L'ultima fermata sul percorso di instradamento storico e Sceicco Hussein, noto come l'ottava meraviglia del mondo. Questae una citta leggendaria costruita in pietra solida. E su nel momento straordinaria invicinanza che vista a distanza. Purtroppo e il camuffo, camaleontica di qualita, quello che da alla sistemazione sotterranea e remota il suo luogo speciale e durevole nella vita degli altopiani.

Qui, circa 800 anni fa cassaforte da occhi curiosi e mani che depredano di persona che s'intrufola ostili , un re nobile foggio una meraviglia segreta. Sceicco Hussein, prima noto come Roha e stato chiamato come il re. Leggenda dice che le chiese furono costruite a saluti la velocita con aiuto di angeli.

Nejashi
Nejashi

Etiopia ha goduto da molto le relazioni piu intime con Islam. Quando i primi seguaci di Profeta Maometto furono negato il diritto per intraprendere la loro religione dalla tribu di Quraysh, i regoli mercantili di Mecca il Profeta doveva cercare un covo sicuro per questi seguaci di mantenere la sopravvivenza della sua religione.


L’imperatore d'Etiopia al momento , o Nejahsi, ha rilasciato asilo ai primi rifugi, 11 uomini e quattro mogli che entrarono nel suo territorio nel 615. Il secondo Hijira (la lotta) consiste di 101 musulmani. I Quraysh avevano chiestol’ imperatore di Etiopia di darli indietro i fedeli , questi mogli futuri Umma Habiba ed Umma Salama e suo cugino e capo degli esili religiosi, Ja'afar Ibn Abu Talib. Molti dei Musilmani erano rimsti nel paese finche loro morirono e nella fine fu seppellito al villaggio sacro di Negash, nord di Wurkro approssimativamente 60 Kms da Mekelle, cioe la capitale del Governo regionale del Tigray .


Il Nejashi del Habashat, come il re e conosciuto nel Mondo arabo, e morto nel 630 ed e seppellito ai resti di Nejashi centro musulmano piu antico e piu santo di Etiopia, dove si trova una bella moschea, costruita recentemente, molte gregge a Nejashi per pellegrinaggio una volta in un anno durante il 10 giorno del mese di Moharem. Musulmani da diversi posti d’ Etiopia ed dall'estero frequentano questa il festa colorita.


Feste islamiche
Nejashi

Feste islamiche hanno un significato speciale per musulmani dell'Etiopia a causa del collegamento storico. Ramadhan e uno dei periodi di santi nel calendario islamico. La vita cambia drammaticamente durante Ramadhan. Dopo aver sospeso il loro digiuno a fine della vista del sole le persone stanno sveglie fino alle prime orefavorendo con amici da visita e pregando. Ad alba loro mangiano il pasto che li durera fino a che tramonto. Alla fine di Ramadhan, la festa di Idd-ul-Fitr e celebrata.